La senti la voce dei luoghi che visiti?

luoghi che parlano
Stonehenge al tramonto

La domanda del titolo e l’idea di luoghi che parlano, potrebbero farti sorgere dubbi sulla mia saluta mentale oppure indurti a chiedere di quali droghe abbia fatto uso recentemente. Beh, ci tengo a tranquillizzarti: la mia salute mentale è pessima come al solito e il numero del mio spacciatore non te lo do.
Chiariti questi punti essenziali, vorrei esprimere cosa intendo dire con questa domanda bizzarra.

Luoghi che parlano?

Sono fermamente convinto dell’esistenza di luoghi che parlano. Non c’è alcuna reminiscenza naturista o pseudocosmica dietro a quello che sto affermando. Semplicemente dico che su questa terra ci sono degli spazi geografici che parlano direttamente ad alcune corde della nostra psicologia. Qualcuno è più invadente, qualche altro meno, altri ancora rimangono in silenzio. Anche questa è una forma di viaggio come scoperta.


Faccio qualche esempio pratico: il Taj Mahal in India, Machu Picchu in Perù, Angkor in Cambogia, Teotihuacàn in Messico (mete di cui ho parlato nel mio libro di viaggi). Sono tutti luoghi che con la loro stessa bellezza reclamano ad alta voce un posto nella considerazione di chi li visita. Anche i viaggiatori più distratti non possono fare a meno di fermarsi di scatto e voltarsi, come se avessero sentito distintamente una voce dire: «Ehi, sono qui!»

E a quel punto non si può far altro che ammirarli, valutarli in tutta la loro bellezza, domandarsi chi li abbia abitati e che vita abbia condotto al loro interno. Sotto certi aspetti sono forse un po’ “chiassosi”, ma una cosa è certa: non si possono ignorare, come non si possono ignorare quelle persone cariche di carisma che ogni tanto attraversano la nostra vita.

Luoghi che parlano… non a tutti!

Altri posti, invece, richiedono una maggior attenzione. A volte capita di scegliere la meta di un viaggio solo per visitare quesi posti. Sono luoghi nei quali è capitato qualcosa che acquisisce un valore particolare solo agli occhi dei viaggiatori che sono a conoscenza della loro storia. A me personalmente è capitato visitando il Museo Dostoevskij, ricreato all’interno dell’appartamento nel quale il grande scrittore visse gli ultimi anni della sua vita, dal 1878 al 1881 e dove si occupò della stesura della sua opera più celebre: I Fratelli Karamazov.

Questo posto ha parlato a me in quanto amante degli scrittori russi e di Dostoevskij in particolare, ma con ogni probabilità, non avrebbe avuto nulla da dire alla psicologia di chi ai tempi dell’università non si è smazzato esami su esami di letteratura russa. Io, pur cosciente di essere di fronte a una ricostruzione artificiale, ne ho percepito la bellezza. Ho guardato con occhi attenti la disposizione dei mobili, l’ubicazione delle finestre, soprattutto quelle ad angolo per le quali Dostoevskij aveva un’autentica ossessione, la collezione di fotografie che amava mostrare ai bambini. Quel luogo mi ha parlato e mi ha detto: «Qui, proprio qui, tra queste mura, è stato scritto quel libro che ti ha portato via numerose ore di sonno, sul quale hai riflettuto incessantemente, che ti ha aperto nuove prospettive». Ognuno di noi ha luoghi del genere.

Luoghi che parlano… ma tu non li senti

Infine ci sono posti che non ti parlano. Oppure lo fanno, ma tu non li senti per il semplice fatto chela tua psicologia è poco ricettiva nei loro confronti. Datemi cinque minuti: vado a mettermi l’armatura perché sto per annunciarvi il posto che  non mi ha detto niente e so che molti non condivideranno.

OK, armatura da Templare indossata. Bene il posto che a me proprio non ha detto nulla è… New York. Eh, lo so, non siete d’accordo e probabilmente avete ragione voi perché, che io sappia, sono l’unico a dirlo. Per la legge dei grandi numeri quindi devo dedurre che la “colpa” sia mia. Eppure è così. Forse sono io che sono poco disponibile all’ascolto, ma nei miei soggiorni a New York non ho mai sentito nulla: nessun richiamo letterario, nessuna estasi da viaggiatore, niente. Piattume totale. Probabilmente non ho le chiavi per decifrare quel mondo e, di conseguenza, sono incapace di percepirne il richiamo.

Non si sai mai bene cosa aspettarsi da un viaggio e a volte si può andare incontro a queste sorprese.

Quali sono i luoghi che vi hanno “parlato”? E quali sono quelli che vi hanno lasciato indifferenti?

P.S. Se ti è piaciuto questo articolo, puoi leggerne altri simili. Comincia da qui: filosofia del viaggio.

14 pensieri su “La senti la voce dei luoghi che visiti?

  1. Tolta Londra che rientra nella categoria “posti-in-cui-mi-sento-a-casa-e-dove-andrei-a-vivere-domani” ma questa è un’altra storia, allora direi che tra i luoghi che mi hanno fatto sentire la loro voce in maniera particolare c’è Berlino. A essere precisa, il tratto di strada di Bernauer Strasse, dove c’è il memoriale del muro. Lì mi è sembrato di vedere le persone che vivevano da una parte e dall’altra, e di immaginare mentre guardavano il blocco di cemento armato chiedendosi perché.
    Invece tra i posti che proprio non mi hanno parlato c’è stata Parma: carina, pulita, cibo ottimo ecc ma… non mi ha detto niente.
    Buon weekend!

  2. Che mi hanno parlato: la piana di Gela, Palermo, i Nebrodi… Che mi hanno lasciato indifferente: Trieste. Per carità ci sono stata bene ci sono bei posti, ottimi per fare gite culturali e naturalistiche, ma la città in sé non mi ha detto niente. 😅

    1. Ciao Cristina, bentornata. Mi mancano tutti e due, sia Palermo che Trieste. Su quest’ultima devo dire che non sei la prima che sento. Beh, dovrò andare a vedere di persona.
      Buon weekend 👋

  3. io ho provato una stranissima emozione alle Piramidi e alla cattedrale dove è stato incoronato Carlo magno ad Aquisgrana. Ho sempre detto che in questi due luoghi la storia mi ha parlato. Non so se è quello che intendi.

    1. Ciao Gipsy e benvenuta. Sì, è ESATTAMENTE quello che intendo. Sono luoghi che, forse per i tuoi studi, le tue passioni o altro ancora, hanno scosso corde intime del tuo essere. Tra l’altro, ora che la menzioni, anche io sono entrato nella Cattedrale di Aquisgrana e ricordo che un sussurro l’ho sentito…
      Grazie per il tuo commento.

      1. a me più che un sussurro mi ha fatto sussultare! 😀 Mio padre è un grande appassionato di storia e quindi come dici tu probabilmente dipende proprio dalla formazione personale.

      2. mi fa piacere non essere la sola in questa situazione! Quando lo racconto a chi è lì con me mi guarda come se fossi pazza! 😀

  4. A me è capitato con Malta: mi ha parlato e mi ha detto che un giorno, quando andrò in pensione (?) tornerò a La Valletta per aprire un b&b! 😉 No sul serio, mi piacerebbe tantissimo!
    Ultimamente invece i posti che “Nice che dice boh?” sono musei, parchi archeologici&Co. Mi si deve essere rotto il sensore a queste cose 🙁
    Buon Halloween!

    1. Orsa, mi sa che Malta ti ha preso in giro… la pensione? 😳 comunque adesso so dove andare a dormire quando la visiterò (perché mi vergogno un po’, ma io non ci sono ancora andato).
      I parchi a me non hanno mai smosso nulla, i musei già di più, ma non sono comunque tra i miei luoghi preferiti.
      Ciao e buon Halloween anche a te

  5. A me è capitato questa estate durante una gita a Villa Adriana vicino Roma. Ritrovarsi tra quelle rovine cercando di immaginare la magnificenza e la possenza di quei luoghi mi ha come trasportata all’epoca dell’imperatore Adriano. Poi potrei dirti Berlino e Parigi. Anche a me, come Silvia, Parma ha raccontato poco. Ciao Marco, buona giornata!

    1. Ciao Alessia e benvenuta sul mio blog. Mi piace molto il tuo commento perché mette in chiaro una cosa: non è necessario andare a vedere il Taj Mahal per sentire i luoghi che ti “parlano”, basta spostarsi di poco.
      Su Parma… pensa che io è una vita che vorrei andarci, ma viste tutte queste opinioni negative quasi quasi ci ripenso. ;o)
      Ciao e buon weekend.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.