3 giorni a Monaco di Baviera

Se avete in previsione di trascorrere un lungo weekend in una bella città, potete prendere in considerazione 3 giorni a Monaco di Baviera.
Di seguito troverete le indicazioni per trascorrere alcuni giorni in città e idee interessanti per visitare i dintorni.

3 giorni a Monaco di Baviera: la città

Un viaggio in Baviera non può dirsi tale senza una visita alla sua capitale, nonché città più caratteristica. Monaco è una città molto fiera e orgogliosa della propria “diversità” rispetto al resto della Germania e non perde occasione per rimarcarlo.
Nonostante le dimensioni (il terzo centro urbano in ordine di grandezza dopo Berlino e Amburgo), il centro storico di Monaco è piuttosto compatto e si può visitare agevolmente.

Marienplatz

Il punto focale del centro è la Marienplatz.

3 giorni a Monaco di Baviera; Marienplatz
Marienplatz

Inglobata all’interno di un’enorme area pedonale, è il luogo adatto in cui bighellonare. Sul lato nord si può ammirare l’imponente facciata neogotica del Nuovo Municipio (Neue Rathaus), dominato da una torre che ospita il celebre carillon animato. Per osservare il fenomeno, si può scegliere tra i seguenti orari: 11:00, 12:00 e 17:00.

3 giorni a Monaco di Baviera Neue Rathaus
Neue Rathaus

In mezzo alla piazza sorge la Mariensäule: una colonna di marmo che regge una statua in bronzo della Madonna, patrona della Baviera.

Residenz e dintorni

A meno di cinquecento metri, in direzione nord, si può visitare la Residenza dei duchi di Baviera. Rimaneggiata in numerose occasioni nel corso del tempo, si tratta di un edificio in cui si alternano stile rinascimentale, neoclassico e barocco. Tutto intorno al palazzo, si sviluppano i bellissimi giardini reali (Hofgarten) e il complesso teatrale Cuvilliés, uno dei più belli e famosi d’Europa.
A ovest della Residenza, si apre la Odeonsplatz, piazza di origine seicentesca con evidenti richiami allo stile rinascimentale italiano.

Asamkirche

La Baviera è una terra storicamente cattolica e la ricchezza dei secoli passati ha permesso ai suoi duchi di costruire numerose chiese. Tra le tante io consiglio la Asamkirche. Trionfo del barocco tedesco, è stracolma di decorazioni, dipinti, stucchi e colonne. Asamkirche è facilmente raggiungibile da Marienplatz con una passeggiata di circa dieci minuti.

3 giorni a Monaco di Baviera: Asamkirche
Asamkirche: gli interni

Englischer Garten

Se siete stufi di girare per il centro, avete a disposizione un’eccellente alternativa: Englischer Garten. Il polmone verde della città è uno dei parchi più grandi del mondo. Al suo interno si alternano ruscelli, laghi e strade ombrose. Tra le cose degne di note ci sono la torre cinese (Chinesischer Turm), con enorme birreria annessa, il Monopteros (tempio greco) e la casa del tè giapponese (Japanische Teehaus). Tuttavia l’aspetto più originale del parco sono… i surfisti.

Su un’ansa del fiume Eisbach si producono delle correnti che danno origine a un’onda anomala di circa un metro, una vera manna dal cielo per chi ama questo sport, ma non può praticarlo perché troppo distante dal mare. All’angolo con la Lerchenfeldstraße sorge un ponte sul quale è possibile rilassarsi, ammirando le evoluzioni dei coraggiosi surfisti.
Poco più a valle i meno temerari ne approfittano per calarsi in acqua e farsi trascinare dalla corrente per i successivi due chilometri. Non è strano, quindi, passeggiare per il parco e vedere gente che cammina con il costume da bagno o una tavola da surf sotto il braccio.

3 giorni a Monaco di Baviera
Surfisti sull’Eisbach

Le birrerie

La Germania, si sa, è la terra della birra e Monaco di Baviera non si sottrae a questa tradizione. Dopo una giornata passata a scarpinare per la città, dunque, ci si merita una buona birra. Il numero di locali è sterminato, di seguito elenco solo i più celebri:

Hofbräuhaus – Platzl 9
Augustiner – Augustinerstraße 1

3 giorni a Monaco di Baviera: Hofbrauhaus
Hofbrauhaus – Interni

3 giorni a Monaco di Baviera: Dachau

Nel corso di un lungo weekend, è possibile includere la visita dei dintorni della città.

Un luogo toccante, che merita di essere visitato, è il campo di concentramento di Dachau, il primo luogo di sterminio nazista, aperto nel 1933, pochi mesi dopo la salita al potere di Hitler. Dachau divenne quindi il prototipo e il modello d’ispirazione per i campi successivi, fu la scuola della morte per le SS, un banco di prova per ogni tipo di violenza. Nel campo furono internate più di duecentomila persone e circa un quarto morirono in seguito a privazioni, malattie, violenze o esperimenti medici.

I detenuti dovevano percorrere una strada lastricata (la Lagerstrasse) e poi attraversare un cancello di ferro battuto sul quale, ironicamente, campeggiava la scritta Arbeit mach frei, “Il lavoro rende liberi”.

Campo di concentramento Dachau
Ingresso di Dachau

Dachau fu uno dei pochi campi a essere liberati dagli alleati occidentali e divenne sede di tribunali di guerra, istituiti per giudicare i crimini degli ufficiali nazisti. Nella visita è possibile vedere le baracche, i locali adibiti agli esperimenti su cavie umane e i forni crematori.
Il campo è aperto tutti i giorni, dalle 9 alle 17 e può essere raggiunto in auto oppure con i mezzi pubblici. L’ingresso è libero, ma per un’adeguata comprensione di ciò che vedrete, è consigliabile affittare l’audioguida (4 euro).

Di seguito il link con tutte le informazioni necessarie per la visita: campo di concentramento di Dachau.

3 giorni a Monaco di Baviera: Neuschwanstein Schloss

A un centinaio di chilometri di distanza, sorge la perla turistica della Baviera: il castello di Neuschwanstein. Se ti servono informazioni utili (prezzi, orari, durata della visita, prenotazioni ecc.), leggi questo articolo: visita al castello di Neuschwanstein.

Castello di Neuschwanstein
Castello di Neuschwanstein

3 giorni a Monaco di Baviera: Il Wörthsee

A circa trenta chilometri di distanza da Monaco, è possibile visitare una delle zone più idilliache della Baviera: l’Alta Algovia. Numerosi laghi alpini si alternano a placide pianure e piccole cittadine. I laghi sono balneabili e, in alcuni casi, attrezzati con ombrelloni e cabine. Il più grande di tutti è lo Starnberger See, che, purtroppo, è anche il più affollato. Tuttavia ci sono numerose soluzioni nelle vicinanze: Ammersee, Pilsensee e Wörthsee. Quest’ultimo è abbastanza isolato e tranquillo ed è frequentato principalmente da famiglie bavaresi in cerca di un po’ di refrigerio dalla calura estiva. L’accesso al lago è libero, ma se siete con l’auto, dovrete pagare il parcheggio. Il lago non è attrezzato, ma si può mettere il proprio asciugamano ovunque si voglia e fare il bagno in una delle piccole spiagge che costellano la costa. In pieno luglio, un tuffo nelle acque del Wörthsee è una mano santa.

Wortsee
Worthsee

Letture

Per prepararti al meglio, leggi una di queste guide.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti invito a leggerne altri simili, in modo da organizzare i tuoi weekend. Clicca qui.

Se sei in cerca di informazioni per un viaggio più ampio, che includa anche Monaco di Baviera, leggi questo articolo: Germania on the road.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.