Liebster Award nomination

Liebster Award Nomination

Tempo di Liebster Award nomination per Lo zaino è pronto, io no!

Già, ma cosa diavolo è il Liebster Award?

Cos’è il Liebster Award?

Il Liebster Award è uno dei più importanti riconoscimenti che un blogger possa ricevere. Si tratta di una manifestazione internazionale utile per far conoscere nuovi blog e apprezzarli.

Liebster Award nomination
Photo by Fauzan Saari on Unsplash

Una sorta di celebrazione dell’amicizia tra persone che si sono conosciute virtualmente e che si apprezzano a vicenda. Per saperne di più, clicca qui: Liebster Award.
Bene, il mio piccolo blog ha ricevuto una Liebster Award nomination , al quale partecipo con immenso piacere.

Continua a leggere “Liebster Award Nomination”

premio migliori blog

Blogger Recognition Award

Blogger Recognition Award: premio migliori blog
Blogger Recognition Award

Ovvero: come scrivere immani corbellerie e ricevere la nomination a uno dei riconoscimenti più ambiti della blogosfera, il Blogger Recognition Award. Già. Perché tutte queste baggianate che il mio neurone partorisce a getto continuo, sono state considerate degne di nota da un paio di blogger: Silvia di The Food Traveler e Caterina di Letture In Viaggio, che voglio pubblicamente ringraziare.

E così eccomi qua: sono in nomination. Adesso finalmente capisco come si deve essere sentito Leonardo di Caprio tutte le volte che il suo nome veniva associato agli Oscar. Leo, fratello, ora comprendo. Te ne parlerò la prossima volta che ci svuoteremo una tinozza di whisky insieme.

Continua a leggere “Blogger Recognition Award”

Desert Island Record

#DesertIslandRecord

Tirato in ballo dalla blogger Orsa nel carro non mi sono potuto esimere dallo stilare il Desert Island Record,  la classifica degli album che mi porterei su una spiaggia deserta. In realtà devo dire che si tratta anche di un’ottima scusa per aggirare il blocco dello “scrittore” che da qualche tempo mi fa fare una fatica bestiale per riuscire a mettere insieme le circa seicento parole necessarie per pubblicare uno straccio di post, quindi ne ho subito approfittato.

Desert Island Record: premessa

Premessa: tra le mille attività nelle quali ho riversato un mucchio di soldi, tempo e fatica, ma che non mi hanno restituito quasi nulla, oltre alla scrittura, c’è anche la musica. Ebbene sì, oltre che un quasi-scrittore e quasi-blogger sono pure un quasi-musicista, un quasi-chitarrista per la precisione. Del resto ho cominciato che avevo vent’anni, all’epoca i capelli c’erano ancora tutti e cosa c’era di meglio che fare il chitarrista metal? Questo per dirvi che tra gli album di cui parlerò ce ne sono anche un paio di quelli che mi hanno indotto a imbracciare la chitarra e conseguentemente a fare bestemmiare i miei vicini di casa come dei camionisti turchi.
Bene, allora cominciamo.

Continua a leggere “#DesertIslandRecord”

Blog A Pagamento

‘A morto de fama!

come guadagnare con le recensioni
Blog (a pagamento)

Come guadagnare con le recensioni o dalle recensioni?” vi starete chiedendo.
In questo momento di pace ho pensato bene di fare il punto della situazione in merito alle recensioni che ho richiesto in giro per il mondo. Preparatevi quindi a un bel post idiota, ma non troppo. La maggior parte di voi forse riderà di quanto sto per scrivere, ma sono più che sicuro che quelli che si trovano nella mia situazione di “autore” autopubblicato probabilmente ci si riconosceranno e masticheranno amaro, annuendo con la testa e mugugnando frasi irripetibili.

Bene, dicevamo: ottenere una recensione. Noi miseri autori self published che ci dobbiamo occupare di tutto, dalla scrittura alla promozione del libro, passiamo buona parte del nostro tempo alla ricerca di questo bene prezioso, convinti che delle buone recensioni possano far colpo su altri potenziali lettori, i quali, a loro volta, si catapulteranno nella prima libreria a portata di mano per comprare l’oggetto a causa del quale abbiamo staccato così tanti accidenti da esserci preclusi qualsiasi possibilità di accedere anche solo al Purgatorio. Per raggiungere questo agognato risultato, ci mettiamo a setacciare il web in cerca di book blogger disposti a leggere il nostro capolavoro con lo stesso fervore che ci metterebbe un cane da tartufi in cerca del prezioso tubero.

Continua a leggere “‘A morto de fama!”

Buon compleanno al Blog

Obiettivi del blog

obiettivi del blog
Buon compleanno al Blog

Ve lo dico subito, così sapete come regolarvi: questo articolo è dedicato ai risultati e agli obiettivi del blog.

Lo so, si tratta di una tipologia di post trita e ritrita e probabilmente ne avrete le scatole piene di leggere sproloqui autocelebrativi da parte dei blogger. Vi capisco benissimo, perché il primo a passare oltre di fronte a questo genere di articoli sono proprio io. Quindi temo che questo piccolo trafiletto, alla fine, sarà letto e valutato da una persona sola: il sottoscritto. Tuttavia, sento la necessità di scriverlo per mettere nero su bianco i risultati conseguiti, battermi una pacca sulla spalla, bermi una birra commemorativa (c’è sempre una buona ragione per farsi una birretta) e fissare i futuri obiettivi del blog.

Obiettivi del blog: gli inizi

Sono partito con il blog il 29 maggio del 2016, senza particolare convinzione. Non anelavo in modo particolare a fare il blogger, ma leggendo numerosi articoli al riguardo ho scoperto che il blog è uno strumento fondamentale per la pubblicizzazione del prodotto che si vuol vendere, nel mio caso specifico un libro di viaggi. Con il passare del tempo la pratica del blogging mi ha sempre più affascinato. Intanto perché mi obbliga a mettere in moto il mio unico neurone. In secondo luogo perché mi impone di scrivere. Sotto alcuni aspetti il blog è diventato la mia palestra di scrittura, il posto nel quale sono costretto a impegnarmi per arrivare a un risultato.

Continua a leggere “Obiettivi del blog”

Guest post per The Food Traveler

Marco Lovisolo è un esploratore infaticabile, abilmente camuffato sotto le spoglie di tecnico informatico. Viaggiatore seriale, zaino in spalla e penna in mano, è dotato di un umorismo pessimo e di una passione smodata per il blues, il nebbiolo e Frankestein jr. Recentemente è uscito il suo libro intitolato Lo zaino è pronto, io no, […]

via #TravelMates: lo zaino di Marco Lovisolo è pronto. E il vostro? — The Food Traveler

Passi da seguire

Starò facendo le cose per bene? – I parte

promozione editoriale
Passi da seguire

E zitto zitto, ma neanche tanto, sono arrivato alla puntata numero venti delle mie vicende da autore self publishing, in cui vi parlerò di tecniche di promozione editoriale. Se volete dare un’occhiata alle altre potete cominciare da qui: scrivere un libro e pubblicarlo. Come da copione, ogni dieci post, me ne voglio concedere uno serio, giusto per spiazzare voi lettori. Cosa ho imparato in questi ultimi mesi?

Promozione editoriale: il blog

Una delle più importanti tecniche di promozione editoriale consiste nell’aumentare le visite al blog. Ovviamente questo non è un must, ma abbiamo creato un sito internet la cui funzione è fare da vetrina al nostro libro self publishing, quindi dobbiamo fare in modo che le persone lo frequentino, ci girino un po’ sopra e si accorgano del libro. Per fare questo io ho utilizzato diverse tecniche.

Continua a leggere “Starò facendo le cose per bene? – I parte”

Compra il mio libro

Guadagno? Zero!

quanto guadagna uno scrittore
Compra il mio libro

Quanto guadagna uno scrittore? Perché dopo che sei riuscito a scrivere un libro e pubblicarlo, che fai? Ma procedi con le vendite, ça va sans dire! Del resto stanno tutti lì, famelici, in attesa solo di comprarlo. C’è gente che ha messo da parte i soldi per un anno pur di riuscire a raccogliere la cifra necessaria all’acquisto della Pregiata Opera. Sembra che davanti alle librerie siano previste code che non si sono mai sognati nemmeno per l’uscita dell’ultimo Harry Potter.

Quanto guadagna uno scrittore? Poco

Sarà. Io passo il tempo a guardare il report delle vendite e tutto quello che mi compare è un perfetto, scintillante, fantastico zero. Comincia a venirmi un dubbio: ma vuoi dirmi che mi devo trasformare in un venditore ambulante per piazzare qualche copia di questo benedetto libro di viaggi?
And the answer is… Sì, è ESATTAMENTE quello che devi fare: il vù cumprà. Non posso mettermi in mezzo a una strada a importunare la gente, per cui mi rimane un’unica possibilità: lo stalking a parenti e amici. Altro che occuparsi solo di scrittura.

Continua a leggere “Guadagno? Zero!”

Buena Vista Social Network III

Buena Vista Social Network III

strategie di marketing su facebook
Buena Vista Social Network III

Oggi voglio parlare di strategie di marketing su facebook. Del resto, si sa, i post sui social network sono come i peperoni: a volte ritornano. Ho già parlato delle vicissitudini che ho vissuto per fare social network marketing e Twitter marketing.

Strategie di marketing su Facebook: la fan page

Per qualche tempo mi sono rifiutato di cedere al ricatto del signor Zuckerberg e così mi sono messo, con pignoleria sabauda, a fare promozione alla mia pagina Facebook in maniera autonoma. Tuttavia, per quanto mi sia sforzato in questi mesi, il numero di like continuava a essere assai esiguo: una cinquantina di persone, in massima parte amici, racimolati nel corso di quattro mesi di stalking. Poi buttavo un occhio a qualche blog, vedevo migliaia di like e ne uscivo più depresso di un fan di Marco Masini.
«Ma come questi blogger fanno ad avere così tanti like, considerato che molti di loro scrivono delle vaccate senza senso?» mi domandavo.

Continua a leggere “Buena Vista Social Network III”

Cercasi blogger

Ci sono blogger e blogger

scrittori emergenti
Cercasi blogger

scrittori emergenti

In questa interminabile fase di attesa che porta (dovrebbe portare) alla pubblicazione del libro, il mio unico neurone si è trovato a riflettere lungamente su quali possano essere le politiche promozionali più efficaci per gli scrittori emergenti.

Scrittori emergenti: la ricerca di recensioni

Trattandosi di un libro di viaggi, ho puntato una categoria di persone che, credo, dovrebbero essere interessate all’argomento: i travel blogger. Oggi, dopo un’accurata fase di scrematura, ho ridotto la cerchia a cinque/sei blog di viaggio. Il problema con questi blogger è che viaggiano in continuazione (madresantissima, quanto vi odio!), per cui diventa anche difficile baccagliarseli.

A questo punto, chi altri? Mumblemumblemumblemumble… tac! Lampadina accesa! Sono torinese? E allora via di blogger torinesi. Vuoi che non siano interessati a parlare del libro di uno “scrittore” che cancellerà per sempre dalla storia della letteratura sabauda i nomi di Carlo Levi e Norberto Bobbio? E così, tra un «Oh, basta là» e un «Ti piace la meeeeeenta?» riesco a conoscere virtualmente un paio di blogger davvero brave che si occupano di Torino e della sua vita culturale (per la cronaca, questi sono i loro siti: Federica ed Elisa). Lo so che il mio libro con la cultura c’entra poco, ma dietro subdola somministrazione di un’adeguata quantità di bicerin, conto di convincerle a leggerlo e a farne delle recensioni.
Tuttavia, manca ancora qualcosa e non riesco a capire cosa. Strano, eh? Io sempre così lucido!

Continua a leggere “Ci sono blogger e blogger”