Muoversi ad Hanoi | Lo zaino è pronto, io no

Muoversi ad Hanoi

Muoversi ad Hanoi, soprattutto nella parte vecchia della città, può rivelarsi davvero molto frustrante.

Sbarco in città al mattino presto, mi carico lo zaino in spalla, recupero un tuk tuk e mi faccio portare in un albergo della zona vecchia. La stanza è al terzo piano di uno stabile senza ascensore, ma è enorme e silenziosa. Una lunga e fresca doccia mi leva di dosso la stanchezza della notte in treno e di tre piani di scale fatti con lo zaino in spalla.

Muoversi ad Hanoi | | Lo zaino è pronto, io no
Albergo ad Hanoi | Photo by Maxime Lebrun on Unsplash

Mi rivesto con calma ed esco.

Hanoi: una città europea in Asia

Per quanto possa sembrare strano, Hanoi è radicalmente diversa da Saigon. Si tratta sempre e comunque di una città con quattro milioni di abitanti che girano quasi tutti rigorosamente in motorino, ma l’atmosfera è del tutto differente. Hanoi ha un’impronta quasi estranea al sudest asiatico, più europea, francese per la precisione. Con questo non voglio dire che sia meglio di Saigon, semplicemente per un viaggiatore occidentale è più familiare.

La capitale del Vietnam, si sviluppa intorno al lago Hoan Kiem. È caratterizzata da ampi viali alberati, botteghe e una quantità spropositata di piccole caffetterie che vendono dolci squisiti. Non tocco cibo dal pranzo del giorno prima e mi ritrovo con una fame terribile. Con la velocità di un ghepardo mi catapulto dentro una caffetteria, ordino un intero vassoio di dolci e una tanica di tè, mi siedo su un tavolino all’esterno, allungo le gambe e mi rilasso guardando la gente che passa.

Muoversi ad Hanoi: la città vecchia

Dopo essermi ripreso dall’indigestione, decido di cercare subito un’agenzia con la quale organizzare la visita a Halong Bay, uno dei luoghi più suggestivi di tutto il sudest asiatico.

Muoversi ad Hanoi | Lo zaino è pronto, io no
Halong Bay – Photo by Robby McCullough on Unsplash

Anche qui, come sul delta del Mekong, il giro può essere organizzato in autonomia, ma con tempi e costi decisamente superiori rispetto a quelli di un’agenzia locale. Io ho seguito il consiglio della mia valida guida Lonely Planet e ne ho puntata una che si trova nel bel mezzo del quartiere vecchio della città.
Errore madornale!

Il quartiere vecchio di Hanoi, uno dei più antichi del sudest asiatico è costituito da stradine tortuose e minuscole che cambiano nome a ogni isolato. Immaginatevi quindi di cercare una via che si chiama Dien Bien Loc e passare attraverso le varie Bien Bu Phu, Bao Cai Lin, Chao Bo Tao, Bim Bum Bam, Suma Bin Ciapà e Porc A Di Quel La Put Tan!

Passo un quarto d’ora a sacramentare in tutte le lingue del mondo, fino a quando mi rendo conto che l’unico modo per uscire onorevolmente da questa situazione è il suicidio.

Per fortuna, un caritatevole vecchietto mi blocca mentre sto per tirare una testata contro uno spigolo e mi conduce all’indirizzo giusto.

Muoversi ad Hanoi

Attendo pazientemente che il tizio di fronte a me finisca di fare le sue prenotazioni. Tra l’altro gli va tutta la mia ammirazione perché ha passato una buona mezz’ora in piedi con lo zaino in spalla, lasciando vuota la comodissima sedia che aveva di fianco.

Finalmente tocca a me. Contratto con il coltello tra i denti, strappo un prezzaccio da barbone, ringrazio e saluto. Esco con un sorriso soddisfatto e decido di tornare al mio albergo, che si trova in Song Hong Tai Road. Il sorriso mi muore sulle labbra perché realizzo di non avere la più pallida idea di dove mi trovi. Soprattutto ho una paura dannata di affrontare i terribili nomi delle strade di Hanoi.

Rientro in agenzia e chiedo informazioni. Il proprietario mi guarda, sfodera un sorriso da barracuda e mi dice:
«Oh, guarda, è facile, esci di qui e poi… sinistra, destra, destra, su, sinistra, destra, giù, destra, sinistra, indietro… Serve una mano? Posso accompagnarti io e nel frattempo potremmo fare un tour della città vecchia di Hanoi. Ti faccio un prezzo speciale…»

Lo guardo con un odio eterno che non conosce confini e borbotto qualcosa tipo: «Mavafantucul…»

Muoversi ad Hanoi: i trucchi

Esco e mi butto a caso alla ricerca dell’albergo. L’odissea che mi ha permesso di arrivare sano e salvo a casa è stata a suo modo epica. La sera, prima di uscire per cena, mi sono comprato una corda, l’ho legata al portone di ingresso dell’albergo e l’ho srotolata poco alla volta mentre ero alla ricerca di un ristorante.

Cosa puoi fare adesso?

Ti è piaciuto quello che hai letto? Al seguente link puoi leggere di altri personaggi bizzarri incontrati nel corso dei miei viaggi: viaggi e incontri.

Tutti gli aneddoti sono riportati nel mio libro di viaggi. Leggi le anteprime!

Cover Photo by Florian Wehde on Unsplash

Come muoversi in Cambogia

Come muoversi in Cambogia

Come muoversi in Cambogia, ovvero: Lo zen e l’arte di andare in motorino nel Sudest asiatico.

Il volo che dà inizio al mio viaggio nel Sudest asiatico è un’odissea. Milano – Dubai – Bangkok – Siem Reap, località quest’ultima altamente insignificante non fosse per il fatto che sorge vicino a una delle meraviglie di questo mondo: la città di Angkor!

Ma Angkor è ancora di là da venire. Adesso il problema è arrivare dall’aeroporto alla guest house che ho prenotato via e-mail dall’Italia e non è così facile come potrebbe sembrare.

Come muoversi in Cambogia: i mototaxi

Dopo avere cambiato un po’ di denaro, affronto il gruppo di tassisti indiavolati che cercano di rimediare un passeggero da spennare. Alla fine scelgo un ragazzo dall’aria simpatica che mi dice testualmente:
«Amico, con il mio taxi vai sul sicuro. Spazioso e comodo».
Un viaggiatore superesperto come il sottoscritto ormai le fregature le riconosce lontano un miglio: no no, caro mio, a me non la si fa.
Ah no, eh?

Continua a leggere “Come muoversi in Cambogia”

Claudia Moreschi - ClaMore in Asia - @photo credit Claudia Moreschi

CLAUDIA MORESCHI – Clamore in Asia

Recensione di ClaMore in Asia di Claudia Moreschi.

Quando tornavo dai miei viaggi zaino in spalla, mi capitava spesso di raccontare le mie vicende ad alcune amiche. Risposta classica:
«Ah, che bello! Un viaggio in solitaria in quella parte di mondo è il mio sogno. Il problema è che una donna non può andare da sola in quei posti».
Io passavo ore intere a spiegare che in realtà i rischi sono gli stessi che si possono correre passeggiando in una qualsiasi città italiana. Provavo a dire che di ragazze che vagabondano da sole ne è pieno il mondo, ma non c’era modo di convincerle. La conversazione si chiudeva con:
«Eh, ma tu sei un maschio, non puoi capire».

Bene, e allora oggi scrivo di una donna che un giorno ha detto:
«Mollo tutto e me ne vado
Si è comprata un biglietto aereo di sola andata, si è caricata lo zaino in spalla e ha fatto un viaggio in solitaria di cinque mesi nel sudest asiatico. Incredibile a dirsi, è sopravvissuta e la prova sta nel libro che ha scritto e pubblicato dopo il suo ritorno a casa: Clamore in Asia.

Continua a leggere “CLAUDIA MORESCHI – Clamore in Asia”